Skip to content
VS_hero_eyes_2
Controlli oculistici gratuiti per la prevenzione del glaucoma, retinopatia diabetica e maculopatia.
VS_hero_field
La prevenzione è in viaggio verso di te

Vista in salute - tutte le Tappe*

Accesso con Green pass o tampone entro le 48 ore precedenti

Dal 2 al 5 SETTEMBRE
7-12 Settembre
14-19 Settembre
21-27 SETTEMBRE
29 SETTEMBRE
4 OTTOBRE
6-9 Ottobre
11-12 Ottobre
14-21 Ottobre
26 ottobre
1 novembre
3-9 novembre
Scorre a destra per vedere le tappe successive.
*programma provvisorio

CONFERENZA STAMPA VISTA IN SALUTE

scopri le tappe e i protagonisti di vista in salute

Strumentazione hi-tech a bordo del truck

65 controlli oculistici giornalieri gratuiti, e non invasivi, riservati a persone dai 40 anni in su.

È previsto un bel percorso all’interno di una struttura mobile di circa 100 mq: un intero tir appositamente attrezzato con dispositivi medico diagnostici ad alta tecnologia. Gli esami oculistici previsti sono finalizzati all’individuazione precoce delle principali malattie della retina e del nervo ottico.

L’intero percorso ha una durata complessiva di 15 minuti. Per usufruire delle visite, disponibili fino a esaurimento posti, le persone interessate dovranno ritirare il numero di prenotazione direttamente in loco, presso l’unità mobile.

Per evitare code basterà recarsi sul posto, ritirare il numero, lasciare il proprio nome e numero di cellulare, per essere richiamati 10 minuti prima della visita. I numeri per l’accesso alle visite saranno distribuiti alle 10.00 per la mattina e alle 15.00 per il pomeriggio e termineranno entro le ore 18.00.

Poi si passa agli esami diagnostici veri e propri (da non intendersi come sostitutivi di una visita oculistica completa), mirati principalmente alla ricerca del glaucoma, della retinopatia diabetica e delle maculopatie.

OCT e foto del fondo oculare

La tomografia a coerenza ottica (OCT) è una sorta di “tac” retinica del tutto innocua che permette di visualizzare i diversi strati retinici, rilevando la presenza di eventuali patologie, in particolare di degenerazioni maculari (la macula è la zona retinica centrale deputata alla visione distinta). Grazie a una foto del fondo oculare, inoltre, si potranno notare eventuali alterazioni dei vasi retinici e cambiamenti alla testa del nervo ottico che potrebbero essere segno di glaucoma.

Autorefrattometro

É uno strumento con cui si misura automaticamente un difetto visivo ossia un vizio refrattivo quale la miopia, l’astigmatismo o l’ipermetropia. È un rapido metodo di valutazione oggettivo che richiede poi un eventuale ulteriore controllo più approfondito. ( B. Sul truck non vengono rilasciate né prescrizioni di occhiali né prescrizioni di farmaci).

Tonometro

Consente la misurazione della pressione oculare, che indicativamente deve essere compresa tra i 10 e i 20 mm di mercurio, ma bisogna tenere conto anche dello spessore della cornea. Se la pressione intraoculare è troppo elevata può denotare la presenza di glaucoma che, una volta diagnosticato, richiede un trattamento farmacologico costante e tempestivo, di solito con colliri ipotonizzanti per ridurre la pressione ed evitare danni irreversibili al nervo ottico (papilla ottica).

Glaucoma

Se hai almeno 40 anni ed eventualmente hai anche parenti affetti dal glaucoma, potresti essere un soggetto a rischio per questa malattia. Pertanto è necessario sottoporsi a controlli oculistici periodici. Il glaucoma è una malattia oculare particolarmente subdola perché “silenziosa”: generalmente non dà alcun sintomo e, se viene diagnosticata troppo tardi, la tua vista potrebbe in parte già essere compromessa, in maniera molto grave.

Retinopatia diabetica

Se sei affetto da diabete la tua vista corre dei seri rischi. Infatti, valori elevati della glicemia sono nocivi anche per la retina. E’ importante sottoporsi a controlli oculistici, soprattutto del fondo oculare, con specifica periodicità a seconda dei casi. Ciò non solo per controllare la retina ma anche per monitorare l’evoluzione del diabete.

Maculopatie

Dai 55 anni in su, la parte più importante della nostra retina, chiamata macula, diventa più vulnerabile. Dunque una visita oculistica è ancor più importante quando ci si avvicina avvicinare alla terza età, il periodo della vita in cui la nostra visione è più a rischio.

Si tratta di una malattia degenerativa del nervo ottico, deputato a trasmettere le immagini visive dall’occhio al cervello. Se il glaucoma non viene diagnosticato precocemente e se non viene opportunamente curato, si “logora” irreparabilmente il nervo ottico. È una patologia generalmente associata a una pressione oculare troppo elevata, che va pertanto periodicamente controllata.

L’occhio può essere paragonato a un piccolo serbatoio d’acqua non rigido, dove c’è un equilibrio tra un flusso d’ingresso e una via di uscita. Se si altera l’equilibrio tra i flussi, specie per un’ostruzione alla via d’uscita, la pressione all’interno aumenta sino a provocare danni “strutturali” al nervo ottico.

La diagnosi precoce è fondamentale. All’inizio viene prescritta una terapia a base di colliri specifici per ridurre la pressione intraoculare (colliri ipotonizzanti). Nei casi più gravi si ricorre alla terapia con il laser o all’intervento chirurgico.

È una frequente complicanza del diabete che colpisce più del 30% delle persone affette da questa malattia.

Una concentrazione troppo elevata di zuccheri nel sangue danneggia i vasi sanguigni, di tutti gli organi principale – cuore, cervello, reni e occhi – sino a causare danni irreparabili. La retina è particolarmente esposta all’azione degli zuccheri sui propri vasi sanguigni, che a lungo andare può causare la perdita della visione.

Prima di tutto bisogna curare scrupolosamente il diabete, che è la causa primaria. Quindi, seguire attentamente la dieta, non trascurare l’attività fisica e attenersi alle terapie prescritte, o a base di insulina o con farmaci assunti per via orale (ipoglicemizzanti).

Nelle fasi avanzate della retinopatia diabetica diventa fondamentale un trattamento laser specifico che non serve a recuperare la vista perduta ma a bloccare l’evoluzione della malattia. In alcuni casi si procede attraverso iniezioni periodiche di farmaci all’interno dell’occhio. Nei casi ancora più gravi si ricorre a delicati interventi chirurgici (vitrectomia).

Si tratta di un gruppo di patologie degenerative della retina, legate all’invecchiamento che colpiscono la macula. In pratica viene ad essere colpita quella parte della retina che serve a distinguere i particolari di un oggetto, a leggere e scrivere e alla percezione dei colori.

Inizialmente si percepisce una distorsione anche lieve di un oggetto che si sta fissando. Ci si rende particolarmente conto quando si osservano le linee, ad esempio il pavimento, il profilo di un palazzo oppure dei fogli a quadretti.

Se la patologia avanza, non solo si accentua la deformazione ma compare al centro della visione una macchia grigiastra, che nasconde ciò che si osserva. La maculopatia all’ultimo stadio causa una cecità centrale, in cui si perde la possibilità di riconoscere ciò che si fissa, la capacità di lettura e scrittura, pur conservando una modesta capacità di mobilità e orientamento.

Alcune forme, come le cosiddette “maculopatie umide”, possono essere trattate con iniezioni intravitreali, cioè all’interno dell’occhio, a base di farmaci di recente introduzione. Particolare importanza per prevenire e contrastare l’evoluzione, rivestono i fattori legati agli stili di vita: una sana alimentazione, l’assenza di fumo e una corretta attività fisica.

Glaucoma

Se hai almeno 40 anni ed eventualmente hai anche parenti affetti dal glaucoma, potresti essere un soggetto a rischio per questa malattia. Pertanto è necessario sottoporsi a controlli oculistici periodici. Il glaucoma è una malattia oculare particolarmente subdola perché “silenziosa”: generalmente non dà alcun sintomo e, se viene diagnosticata troppo tardi, la tua vista potrebbe in parte già essere compromessa, in maniera molto grave.

Si tratta di una malattia degenerativa del nervo ottico, deputato a trasmettere le immagini visive dall’occhio al cervello. Se il glaucoma non viene diagnosticato precocemente e se non viene opportunamente curato, si “logora” irreparabilmente il nervo ottico. È una patologia generalmente associata a una pressione oculare troppo elevata, che va pertanto periodicamente controllata.

L’occhio può essere paragonato a un piccolo serbatoio d’acqua non rigido, dove c’è un equilibrio tra un flusso d’ingresso e una via di uscita. Se si altera l’equilibrio tra i flussi, specie per un’ostruzione alla via d’uscita, la pressione all’interno aumenta sino a provocare danni “strutturali” al nervo ottico.

La diagnosi precoce è fondamentale. All’inizio viene prescritta una terapia a base di colliri specifici per ridurre la pressione intraoculare (colliri ipotonizzanti). Nei casi più gravi si ricorre alla terapia con il laser o all’intervento chirurgico.

Retinopatia diabetica

Se sei affetto da diabete la tua vista corre dei seri rischi. Infatti, valori elevati della glicemia sono nocivi anche per la retina. E’ importante sottoporsi a controlli oculistici, soprattutto del fondo oculare, con specifica periodicità a seconda dei casi. Ciò non solo per controllare la retina ma anche per monitorare l’evoluzione del diabete.

È una frequente complicanza del diabete che colpisce più del 30% delle persone affette da questa malattia.

Una concentrazione troppo elevata di zuccheri nel sangue danneggia i vasi sanguigni, di tutti gli organi principale – cuore, cervello, reni e occhi – sino a causare danni irreparabili. La retina è particolarmente esposta all’azione degli zuccheri sui propri vasi sanguigni, che a lungo andare può causare la perdita della visione.

Prima di tutto bisogna curare scrupolosamente il diabete, che è la causa primaria. Quindi, seguire attentamente la dieta, non trascurare l’attività fisica e attenersi alle terapie prescritte, o a base di insulina o con farmaci assunti per via orale (ipoglicemizzanti).

Nelle fasi avanzate della retinopatia diabetica diventa fondamentale un trattamento laser specifico che non serve a recuperare la vista perduta ma a bloccare l’evoluzione della malattia. In alcuni casi si procede attraverso iniezioni periodiche di farmaci all’interno dell’occhio. Nei casi ancora più gravi si ricorre a delicati interventi chirurgici (vitrectomia).

Maculopatie

Dai 55 anni in su, la parte più importante della nostra retina, chiamata macula, diventa più vulnerabile. Dunque una visita oculistica è ancor più importante quando ci si avvicina avvicinare alla terza età, il periodo della vita in cui la nostra visione è più a rischio.

Si tratta di un gruppo di patologie degenerative della retina, legate all’invecchiamento che colpiscono la macula. In pratica viene ad essere colpita quella parte della retina che serve a distinguere i particolari di un oggetto, a leggere e scrivere e alla percezione dei colori.

Inizialmente si percepisce una distorsione anche lieve di un oggetto che si sta fissando. Ci si rende particolarmente conto quando si osservano le linee, ad esempio il pavimento, il profilo di un palazzo oppure dei fogli a quadretti.

Se la patologia avanza, non solo si accentua la deformazione ma compare al centro della visione una macchia grigiastra, che nasconde ciò che si osserva. La maculopatia all’ultimo stadio causa una cecità centrale, in cui si perde la possibilità di riconoscere ciò che si fissa, la capacità di lettura e scrittura, pur conservando una modesta capacità di mobilità e orientamento.

Alcune forme, come le cosiddette “maculopatie umide”, possono essere trattate con iniezioni intravitreali, cioè all’interno dell’occhio, a base di farmaci di recente introduzione. Particolare importanza per prevenire e contrastare l’evoluzione, rivestono i fattori legati agli stili di vita: una sana alimentazione, l’assenza di fumo e una corretta attività fisica.

Con il patrocinio di
Partner editoriale

Umbria

Perugia

2-3 SETTEMBRE
Piazza IV Novembre
10.00 – 18.00

Terni

4-5 SETTEMBRE
Piazza della Repubblica
10.00 – 18.00

Toscana

Firenze

7-8 SETTEMBRE
Parco le Cascine (Viale del Quercione angolo Viale dell’Aeronautica)
10.00 – 18.00

Arezzo

9-10 SETTEMBRE
Via Rismondo
10.00 – 18.00

Siena

11-12 SETTEMBRE
Giardini La Lizza
10.00 – 18.00

Emilia Romagna

Bologna

14-15 SETTEMBRE
Bologna Piazza 8 Agosto
10.00 – 18.00

Parma

16-17 SETTEMBRE
Largo Piero Calamandrei
10.00 – 18.00

Modena

18-19 SETTEMBRE
Via Bono da Nonantola
10.00 – 18.00

Marche

Ancona

21-22 SETTEMBRE
Piazza Cavour
10.00 – 18.00

Ascoli Piceno

23-24 SETTEMBRE
Piazza Arringo
10.00 – 18.00

Pesaro

26-27 SETTEMBRE
Parcheggio San Decenzio
10.00 – 18.00

Puglia

Bari

29-30 SETTEMBRE
piazza Libertà
10.00 – 18.00

Barletta-Andria-Trani

1-2 OTTOBRE
piazza Aldo Moro
10.00 – 18.00

Foggia

3-4 OTTOBRE
piazza Camillo Benso Cavour
10.00 – 18.00

Basilicata

Potenza

6-7 OTTOBRE
piazza Don Bosco
10.00 – 18.00

Matera

8-9 OTTOBRE
via Aldo Moro
10.00 – 18.00

Molise

Campobasso

11-12 OTTOBRE
piazza della Vittoria
10.00 – 18.00

Lazio

Roma

14-17 OTTOBRE
via dei Fori Imperiali, angolo via san Pietro in Carcere
10.00 – 18.00

Latina

18-19 OTTOBRE
piazza del Popolo
10.00 – 18.00

Frosinone

20-21 OTTOBRE
piazza Falcone e Borsellino
10.00 – 18.00

Calabria

Reggio Calabria

26-27 OTTOBRE
area parcheggio Stazione Lido
10.00 – 18.00

Cosenza

29-30 OTTOBRE
piazza dei Bruzi
10.00 – 18.00

Catanzaro

31 OTTOBRE – 1 NOVEMBRE
piazza Rossi
10.00 – 18.00

Sicilia

Palermo

3-4 NOVEMBRE
TBD
10.00 – 18.00

Caltanissetta

6-7 NOVEMBRE
TBD
10.00 – 18.00

Catania

8-9 NOVEMBRE
TBD
10.00 – 18.00